• cookingwiththehamster

Takumi Ramen Kitchen Milano

L’offerta gastronomica di Via Paolo Sarpi a Milano negli ultimi anni si è arricchita in maniera esponenziale. Mecca del cibo asiatico per antonomasia, il 22 agosto 2019 in Via Luigi Canonica 63 ha visto l’apertura di Takumi, locale specializzato nel ramen di Sapporo, Hokkaido.


Per meglio apprezzare la ricetta regionale di questo ramen, bisogna fare un excursus storico e geografico. Siamo nella fredda isola di Hokkaido a nord del Giappone. Sapporo, città principale della regione, è divenuta nota per le Olimpiadi invernali del 1972 e, soprattutto, per l’omonima birra. Essa però è anche la patria natale del celebre miso ramen (il miso è la pasta di soia gialla fermentata a cui vengono aggiunti cereali, ricca di proteine). Nel 1955 il miso ramen è stato infatti preparato per la prima volta da Morito Omiya (primo chef del ristorante Aji No Sanpei, dove fu inventata la zuppa di miso) e da Takayuki Nishiyama, fondatore dell’azienda Nishiyama Noodle e inventore dei “multi-hydrolisis aged” noodles.


Ci spostiamo adesso ad Amsterdam. È il 1995 e il signor Haruiko Saeki e lo chef Okada lavorano insieme. Entrambi desiderano aprire insieme un locale di ramen in Europa ma, per via di esigenze lavorative, il primo è dovuto andare a Düsseldorf e il secondo in Giappone. Passa il tempo e nel 2005 in signor Saeki si trova a gestire a Düsseldorf un ristorante giapponese chicken & grill; nel frattempo ha trovato i noodles ideali e ha avuto occasione di apprezzare il ramen di Sapporo. Contatta così la Sapporo Nishiyama Seimen (celebre produttore di ramen di Sapporo) e conosce il signor Ishida, esperto di ramen della Nishiyama. I due iniziano a lavorare insieme e a gennaio 2007 aprono il primo ristorante Takumi a Düsseldorf. Oggi è una multinazionale che si è espansa ad Amsterdam, Amburgo, Berlino, Barcellona, Rotterdam e a gennaio aprirà un locale anche ad Anversa.

Il segreto del successo di Takumi? Alla base delle ricette, originali e rivisitate, ci sono sempre spezie autentiche importate direttamente dal Giappone. Il miso ramen di Takumi presenta infatti le caratteristiche del ramen di Sapporo: brodo a base di miso, noodles di pasta all’uovo, bambù e carne di maiale tritata finemente.

A mio avviso, però, il brodo non è particolarmente denso e la scelta della cottura dell'uovo semi-crudo non mi ha convinto.

Il menù di Takumi non si arresta solamente al miso ramen. Vengono infatti proposti ramen con brodo a base di pollo, shoyu ramen, black garlic, delle varianti con pollo teriyaki e anche ramen vegetariani. Sono inoltre presenti gyoza, karaage, curry, korokke, takoyaki e anche dei mini donburi. La carta dei dolci presenta varie tipologie di gelato e tra le bevande birra Kirin, sakè, Calpis, tè verde e Ramune.


Butatama Miso Ramen | © Cookingwiththehamster
Spicy Butatama Miso Ramen | © Cookingwiththehamster

The gastronomic offer of Via Paolo Sarpi in Milan in recent years has been enriched exponentially. The Mecca of quintessential Asian food, on August 22, 2019 in Via Luigi Canonica 63 saw the opening of Takumi, a restaurant specializing in Sapporo ramen, Hokkaido.


To better appreciate the regional recipe of this ramen, you have to make a historical and geographical excursus. We are on the cold island of Hokkaido, north of Japan. Sapporo, the main city of the region, became known for the 1972 Winter Olympics and, above all, for its beer of the same name. However, it is also the birthplace of the famous miso ramen (miso, protein-rich, is the fermented yellow soybean paste to which cereals are added). In 1955 the miso ramen was first prepared by Morito Omiya (first chef of the restaurant Aji No Sanpei, where miso soup was invented) and by Takayuki Nishiyama, founder of the nishiyama Noodle company and inventor of the “multi-hydrolisis aged” Noodles.


We are now moving to Amsterdam. It’s 1995 and Mr. Haruiko Saeki and chef Okada work together. Both wish to open a ramen restaurant together in Europe but, due to work requirements, the former had to go to Düsseldorf and the second to Japan. In 2005 Mr. Saeki was in charge of a Chicken & Grill Japanese restaurant in Düsseldorf. In the meantime he found the ideal noodles and had the opportunity to appreciate Sapporo’s ramen. So he contacted Sapporo Nishiyama Seimen (famous Ramen producer of Sapporo) and met Mr. Ishida, a ramen expert at Nishiyama. The two began working together and in January 2007 they opened their first Takumi restaurant in Düsseldorf. Today it is a multinational company that has expanded in Amsterdam, Hamburg, Berlin, Barcelona, Rotterdam and in January will also open a place in Antwerp. The secret to Takumi’s success? At the base of the recipes, original and revisited, there are always authentic spices imported directly from Japan.

In my opinion, however, the broth is not particularly thick and the choice of cooking semi-raw egg has not convinced me. Takumi’s miso ramen has the characteristics of Sapporo ramen: miso broth, egg pasta noodles, bamboo and finely chopped pork.


Takumi’s menu doesn’t just stop at miso ramen. Ramen with chicken broth, shoyu ramen, black garlic, teriyaki chicken variants and even vegetarian ramen are offered. There are also gyoza, karaage, curry, korokke, takoyaki and mini donburi. The dessert card features various types of ice cream and among the drinks Kirin beer, sake, Calpis, green tea and Ramune.


🌎 https://takumiramenkitchenmilano.it 📍 Via Luigi Canonica 63, Milan 📞 +39 02 3656 6126 💰 $$


©2019 of cookingwithehamster - All Rights Reserved