• cookingwiththehamster

Moko’s Matcha

Moko’s Matcha è uno di quei locali che non trovi se non lo conosci, a meno che non sia un appassionato di tè matcha. Io l’ho scoperto dopo avere cercato in lungo e in largo sul web un locale dove bere del matcha autentico e finalmente, dopo tanti sforzi, ce l’ho fatta! Non avrei sperato di trovare di meglio in Via della Moscova 7, Milano.


I proprietari sono Moko e suo marito Leonardo, entrambi cinesi. Lei, originaria della capitale Beijin, lui di Hangzhou, città conosciuta per il celebre tè verde LongJing. Leonardo è una persona silenziosa, dolce, lo si trova dietro al banco a lavorare meticolosamente, con una precisione e una calma inarrivabili mentre prepara un tè matcha strabiliante. Moko è dinamica e la sua storia è davvero affascinante. Mi racconta il suo percorso, iniziato con la laurea alla Marangoni di Milano. Comincia lavorando nel mondo della moda, per poi trasferirsi successivamente in Canada per un corso MBA. Proprio qui inizia a pensare di aprire un negozio di matcha tutto suo e lo struttura talmente bene nelle sue idee da pensare perfino al mobilio. Lei conosce molto bene il prodotto tanto da averne parlato centinaia di volte a Leonardo, che lo scopre e lo apprezza in concomitanza dell’Expo a Milano.


Partono per il Giappone e lo visitano in molte occasioni: studiano la cerimonia del tè, la preparazione dei wagashi — dessert giapponesi (yatsuhashi, dorayaki, daifuku, ad esempio) e selezionano le collaborazioni con diversi marchi importanti. Il prodotto da loro usato viene direttamente dal Giappone e Moko fa un paragone che spiega perfettamente ciò che impiegano:

“Usiamo marchi di matcha tra i migliori del mondo. Ippodo, Itohkyuemon e Maryu. Sono come al livello di Chanel, Dior e Hermès nella moda”

Ed è proprio Moko in prima persona a realizzare i dolci, pratica che considera come un vero e proprio hobby. Ma nonostante la materia prima sia il matcha e abbia studiato così duramente in Giappone, Moko ha realizzato una concreta unione tra Oriente e Occidente preparando dolci americani o comunque di nascita occidentale con la polvere matcha, come ad esempio la matcha cheesecake (densa, con una base al cioccolato gradevolissima), matcha muffin (soffici e fragranti), matcha rainbow mousse, matcha mille crêpes e il matcha pudding.


Moko’s Matcha apre nell’ottobre 2017 con l’impegno di portare l’autentico tè matcha in Europa e in Italia, farlo conoscere (sapendo distinguere le diverse qualità) e far comprendere i suoi benefici, dire alle persone che esistono delle alternative al caffé. Proprio all’interno di questa sala da tè è possibile leggere indicazioni su quanto bene faccia questa bevanda e apprendere consigli sulla preparazione e la somministrazione della stessa. Se pensiamo che quando Moko e Leonardo hanno aperto questo piccolo tesoro nascosto in Italia nessuno beveva matcha e come vada così di moda oggi, possiamo affermare senza indugio che Moko’s matcha ha reso questo tè incredibilmente popolare.


Moko mi illustra una vera e propria terapia detossificante a base di matcha, da lei realizzata grazie all’aiuto di una nutrizionista. Per qualsiasi domanda o chiarimento, potete passare da Moko’s Matcha, troverete tutte le risposte alle vostre domande.


CURA DETOX INTESTINALE

ISTRUZIONI DA LEGGERE PRIMA DELLA CURA Temperatura dell’acqua: 40–45°C Motivazione: quando i cibi o i liquidi passano dallo stomaco all‘intestino si trovano tra i 37 e i 42 gradi. Se la temperatura dell’acqua fosse inferiore ai 35 gradi ciò potrebbe causare nausea poiché lo stomaco ha una temperatura interna di 37–38 gradi. Se invece la temperatura fosse superiore ai 55 gradi ciò non permetterebbe di bere il matcha tutto d’un sorso, cosa indispensabile ad attivare la funzione detox.

QUANDO BERLO: ENTRO MEZZ’ORA DAL RISVEGLIO Al risveglio l’organismo si attiva e lo stomaco inizia a produrre i succhi gastrici, per attivare tale processo l’organismo impiega circa mezz’ora. E’ importante bere quindi il matcha, al fine di attivare la funzione detox, entro la mezz’ora dal risveglio in modo tale che la produzione di succhi gastrici non sia ancora ultimata ed il matcha vada subito all’intestino senza fermarsi nello stomaco.

TIPOLOGIA DI ACQUA: (Levissima, Sant’Anna) Residui fissi da 30 a 90, ph maggiore di 7, la durezza intorno a 6.

QUANTITÀ DI ACQUA 150–500ml, consigliato 300ml che copre tutto l’intestino, NON superare 600ml per volta in modo da evitare iper-idratazione(water intoxication).

MODO DI BERE Tutto in un unico sorso, o al massimo in due sorsi con poca pausa tra l’uno e l’altro. Se si dovesse bere lentamente, il liquido ristagnerebbe nello stomaco, senza arrivare all’intestino, ed inoltre potrebbe dare un senso di nausea.

CICLO DI DETOX 7 giorni continuativi e 2 giorni di pausa per massimizzare l’effetto detox.

QUANTITA’ DI MATCHA Onnivoro 2–3 gr. vegetariano 1–2 gr., vegano 0.5–1 gr (oppure aumentare la qualita’ del matcha per i vegani).

QUALITÀ DI MATCHA Vero matcha cerimoniale base con un buon bilanciamento degli elementi (tannino, catechina, amino acidi).

COME RICONOSCERE UN VERO MATCHA Provenienza: regione di UJI-KYOTO Grammatura: confezioni da 20 gr. a 40 gr. Scadenza: 6 mesi Colore: Verde brillante Sapore: Umami (ricorda vagamente il sapore di alga), non è un sapore amaro forte o simile a quello tè. Effetti: non porta tachicardia o nausea ma da un effetto di rilassamento generale e concentrazione distribuita su un lungo arco di tempo (a differenza del caffè che genera picchi glicemici).

METODO DI PREPARAZIONE Passare il matcha con un piccolo colino (quanto più fine la trama, tanto meglio) così che si possa sciogliere completamente una volta aggiunta l’acqua

Effetti desiderati di questa ricetta 1. Elimina l’infiammazione dell’intestino 2. Elimina i disturbi dei virus, batteri e funghi 3. Separa, pulisce e aiuta a ricostruire i villi intestinali 4. Migliora il transito per chi ha problemi di costipazione 5. Quando l’intestino è sano, il viso appare più bello, la pancia sgonfia e favorisce la perdita di peso

CONTROINDICAZIONI MALATTIE GRAVI che riguardano i reni. Non assumere altri farmaci o integratori CONTEMPORANEAMENTE.

Matcha cheesecake | © Cookingwiththehamster
Matcha daifuku | © Cookingwiththehamster

Moko’s Matcha is one of those places you can’t find if you don’t know it, unless you’re a fan of matcha tea. I discovered it after searching far and wide on the web a place to drink authentic matcha and finally, after so many efforts, I made it! I would not have hoped to find better in Via della Moscova 7, Milan.


The owners are Moko and her husband Leonardo, both Chinese. She is from the capital Beijin, he is from Hangzhou, a city known for its famous LongJing green tea. Leonardo is a quiet, sweet person, he is behind the counter working meticulously, with an unreachable precision and calm while making a mind-blowing matcha tea. Moko is dynamic and her story is really fascinating. She tells me about her journey, which began with a degree from Marangoni in Milan. She started working in the fashion world, then moved to Canada for an MBA course. Right here she starts to think of opening a matcha shop of her own and structure it so well in her ideas that she even thinks about furniture. She knows the product so well that she has spoken to Leonardo hundreds of times, and he appreciates it at the same time as the Expo in Milan.


They leave for Japan and visit it on many occasions: they study the tea ceremony, the preparation of the wagashi — Japanese deserts (yatsuhashi, dorayaki, daifuku, for example) and select collaborations with several important brands. The product they use comes directly from Japan and Moko makes a comparison that perfectly explains what they employ:

“We use some of the best matcha brands in the world. Hippod, Itohkyuemon and Maryu. They’re like Chanel, Dior and Hermès in fashion.”

And it is Moko herself who realizes the sweets, a practice that she considers as a real hobby. But despite the raw material being matcha and studying so hard in Japan, Moko has created a concrete union between East and West by preparing American sweets or at least Western birth with matcha powder, such as matcha cheesecake (dense, with a very pleasant chocolate base), matcha muffins (soft and fragrant), matcha rainbow mousse, matcha thousand crepes and matcha pudding.


Moko’s Matcha opens in October 2017 with a commitment to bring authentic matcha tea to Europe and Italy, make it known (knowing how to distinguish its different qualities) and make people understand its benefits, tell people that there are alternatives to coffee. Right inside this tea room you can read directions on how well this drink does and learn advice on preparing and administering it. If we think that when Moko and Leonardo opened this little hidden treasure in Italy no one drank matcha and how it goes so fashionable today, we can say without delay that Moko’s matcha has made this tea incredibly popular.


Moko explains to me a real matcha-based detosifying therapy, which she made with the help of a nutritionist. For any questions or clarification, you can go to Moko’s Matcha, you will find all the answers to your questions.


DETOX INTESTINAL CURE


INSTRUCTIONS TO READ BEFORE TREATMENT Water temperature: 40–45 degrees Celsius Reason: When food or liquids pass from the stomach to the intestine are between 37 and 42 degrees. If the water temperature is below 35 degrees this could cause nausea as the stomach has an internal temperature of 37–38 degrees. If the temperature was above 55 degrees this would not allow you to drink the matcha all of a sip, which is essential to activate the detox function.

WHEN TO DRINK IT: WITHIN HALF AN HOUR OF WAKING When the body wakes up and the stomach begins to produce gastric juices, it takes the body about half an hour to activate this process. It is therefore important to drink the matcha, in order to activate the detox function, within half an hour of awakening in such a way that the production of gastric juices is not yet completed and the matcha immediately goes to the intestine without stopping in the stomach.

ACQUA TYPE: (Levissima, Sant’Anna) Fixed residues from 30 to 90, ph greater than 7, hardness around 6.

AMOUNT OF WATER 150–500ml, recommended 300ml covering the entire intestine, DO NOT exceed 600ml at a time to avoid hyper-hydration (water intoxication).

DRINKING MODE All in one sip, or at most in two sips with little pause between them. If you were to drink slowly, the liquid would stane in the stomach, without reaching the intestines, and also could give a sense of nausea.

DETOX CYCLE 7 days on continuous and 2 days break to maximize the detox effect.

MATCHA QUANTITY Omnivorous 2–3 gr. vegetarian 1–2 gr., vegan 0.5–1 gr (or increase the quality of matcha for vegans).

MATCHA QUALITY True basic ceremonial matcha with a good balance of elements (tannin, catechin, amino acids).

HOW TO RECOGNIZE A REAL MATCHA From: UJI-KYOTO region Weight: 20g packs. 40 grams. Expiration: 6 months Color: Bright green Taste: Umami (vaguely reminiscent of the seaweed flavor), is not a strong or tea-like bitter taste. Effects: it does not bring tachycardia or nausea but from a general relaxation effect and distributed concentration over a long period of time (unlike coffee that generates concemic spikes).

PREPARATION METHOD Pass the matcha with a small colander (the finer the plot, the better) so that it can melt completely once the water is added Desired effects of this recipe 1. Eliminates inflammation of the intestine 2. Eliminates virus, bacteria and fungi disorders 3. Separates, cleans and helps rebuild bowel villi 4. Improve transit for constipation issues 5. When the intestine is healthy, the face looks more beautiful, the belly deflates and promotes weight loss

Contraindications SERIOUS DISEASES that affect the kidneys. Do not take other medications or supplements CONTIMELY.


🌎 https://www.facebook.com/MOKOSMATCHA/

📍 Via della Moscova, 7, Milan

📞 +39 02 3599 4159

💰 $$$



©2019 of cookingwithehamster - All Rights Reserved