• cookingwiththehamster

Casa Ramen Super

In zona Isola a Milano, in Via Ugo Bassi 26, vi è Casa Ramen Super. Si tratta della seconda apertura di Luca Catalfamo, giovane cuoco milanese che si è distinto anche tra i giapponesi per il suo ramen.


Casa Ramen Super è la seconda apertura di Luca Catalfamo: a pochi passi da questi locale vi è infatti Casa Ramen, fortunato e celebre locale di ramen che a suo tempo ha perfino destato la curiosità dei giapponesi che sono venuti a provarlo e che ne sono rimasti talmente colpiti da convincere Catalfamo ad andare a Yokohama per aprire una sua temporary ramen house al museo del ramen, Casa Luca. Aperto nel 2017 con l’idea di ricreare un’izakaya, in realtà è uno spazio conviviale: vi è infatti un grande tavolo realizzato dall’artigiano portoghese Romain Jainet dove mangiare in condivisione con altre persone. Già da questa premessa è possibile intuire il progetto attuato: partire da un'idea di Giappone autentico per creare un locale nuovo dove sperimentare esperienze diverse. E osservando il menù ci si accorge subito che il Giappone tradizionale è un punto di partenza: i piatti sono sì ispirati alla gastronomia nipponica, ma sono in realtà contaminati da tutta una serie ingredienti, idee e preparazioni che determinano un risultato nuovo e molto personale.

Luca Catafalmo è infatti un grande viaggiatore, oltre che cuoco. Durante la sua carriera ha lavorato in Italia, New York (dove tra l’altro ha mangiato il ramen per la prima volta a Ippudo e nel 2019 ha aperto Casa Ramen Power), Sidney, Londra e ciò gli ha permesso non solo di crescere professionalmente, ma anche di acquisire stimoli differenti. Dopo avere studiato la preparazione del ramen in Giappone, averlo riprodotto a Milano, ha dunque voluto rielaborarlo secondo il suo punto di vista. E da Casa Ramen Super si gusta proprio questa visione individuale:

Vogliamo stimolare un ricordo e non copiare i piatti della tradizione.

Il menù presenta due scelte: l’omakasè — menù degustazione in stile izakaya (cinque piatti con possibilità di abbinamento vini) e il menù alla carta, oltre ai cuoriosi fuorimenù. Sul menù viene sottolineata la freschezza delle materie prime: i prodotti sono infatti italiani e seguono la stagionalità, i noodles sono di farina 00 proveniente dal panificio e la carne è di Venegani. Gli antipasti prevedono: Bao (maiale, salsa alle cinque spezie, cipolla in agrodolce), Trota “on fire” (tartare di trota, salsa ponzu piccante, alghe nori tostate), Rape rosse fritte (mayonese allo yuzu, katsobushi), Fucking tofu salad (insalata del mercato, crema di tofu, agro, sesamo, soia) e Dumpling di maiale (doppio wasabi, cipolla fritta). Si procede poi con delle portate sfacciatamente fusion, come da titolo: Chawanmushi (frittata al vapore, granchio, riccio di mare, lime, shiso), Kakuni (costato di maiale brasato, bay lattuga, cipolle in tempura), Temaki (tartare di manzo, midollo arrosto, riso, alga nori) e Qfc (quaglia fritta casaramen, cavolo cinese, lime, salsa tonkatsu). Si arriva finalmente al ramen, di cui ve ne sono quattro tipi: Super ramen (noodles spessi, miso, soia, verdura, uovo marinato), Yuzu ramen (noodles fini, brodo di pesce, ombrina arrosto, cipollotto, alga nori, sesamo, uovo onsen, yuzu), Paitan ramen/red paitan ramen (noodles spessi, brodo di pollo, chashu, bamboo, cipollotto, uovo marinato, sesamo) e Dan dan noodles (poco brodo, noodles fini, agnello, coriandolo, pepe, cipollotto, bamboo, uovo marinato).


Com'è quindi mangiare da Casa Ramen Super? Non mi ha convinto. Il ramen non è un vero ramen (ovvio), i brodi tendono ad avere un sapore troppo simile e gli ingredienti di alcune preparazioni secondo me tendono a creare una zuppa troppo pasticciata. Molto più buoni invece gli antipasti, forse i veri protagonisti di questo locale.

Insomma, a mio parere si tratta di preparazioni molto più belle da fotografare che non da mangiare. E dell'idea iniziale di creare una sorta di izakaya è rimasto davvero troppo poco, visto che la scelta del beverage è veramente scarna.

Bao | © Cookingwiththehamster
Fried red turnips | © Cookingwiththehamster
Temaki | © Cookingwiththehamster
Paitan ramen | © Cookingwiththehamster
Super ramen | © Cookingwiththehamster

In the Isola area of Milan, in Via Ugo Bassi 26, there is Casa Ramen Super. This is the second opening by Luca Catalfamo, a young Milanese chef who also distinguished himself among the Japanese for his ramen.


Casa Ramen Super is the second opening by Luca Catalfamo: in fact, a few steps away from these, in fact, there is Casa Ramen, a fortunate and famous local of ramen that at the time even aroused the curiosity of the Japanese who came to try it and who were so impressed that they convinced Catalfamo to go to Yokohama to open his temporary ramen house at the Ramen museum, Casa Luca. Opened in 2017 with the idea of ​​recreating an izakaya, in reality it is a convivial space: there is in fact a large table created by the Portuguese craftsman Romain Jainet where to eat shared with other people. From this premise it is possible to understand the project implemented: starting from an idea of ​​authentic Japan to create a new place where to experiment different experiences. And looking at the menu, you immediately realize that traditional Japan is a starting point: the dishes are so inspired by Japanese gastronomy, but they are actually contaminated by a whole series of ingredients, ideas and preparations that determine a new and very personal result.

Luca Catafalmo is indeed a great traveler, as well as a cook. During his career he worked in Italy, New York (where he also ate ramen for the first time in Ippudo and opened Casa Ramen Power in 2019), Sidney, London and this allowed him not only to grow professionally , but also to acquire different stimuli. Having studied the preparation of ramen in Japan, having reproduced it in Milan, he therefore wanted to rework it according to his point of view. And at Casa Ramen Super you can enjoy this individual vision:

We want to stimulate a memory and not to copy traditional dishes.

The menu has two choices: omakasè — izakaya-style tasting menu (five dishes with the possibility of pairing wines) and the menu à la carte, in addition to the offmenu. On the menu the freshness of the raw materials is emphasized: the products are in fact Italian and follow the seasonality, the noodles are of 00 flour from the bakery and the meat is from Venegani. The starters include: Bao (pork, five-spice sauce, sweet and sour onion), Trout “on fire” (trout tartare, spicy ponzu sauce, roasted nori seaweed), Fried red turnips (mayonnaise with yuzu, katsobushi), Fucking tofu salad (market salad, tofu cream, sour, sesame, soy) and Pork dumpling (double wasabi, fried onion). It then proceeds with brazenly fusion carrying, as entitled: Chawanmushi (steamed omelette, crab, sea urchin, lime, shiso), Kakuni (braised pork rib, bay lettuce, tempura onions), Temaki (beef tartare , roast marrow, rice, nori seaweed) and Qfc (fried casaramen quail, Chinese cabbage, lime, tonkatsu sauce). Finally we arrive at ramen, of which there are four types: Super ramen (thick noodles, miso, soy, vegetables, marinated egg), Yuzu ramen (fine noodles, fish broth, roast croaker, spring onion, nori seaweed, sesame, egg onsen, yuzu), Paitan ramen / red paitan ramen (thick noodles, chicken broth, chashu, bamboo, spring onion, marinated egg, sesame) and Dan dan noodles (little broth, fine noodles, lamb, coriander, pepper, spring onion, bamboo, marinated egg).


So, what is it like to eat at Casa Ramen Super? It didn't convince me. Ramen is not a real ramen (obviously), broths tend to have too similar flavor and the ingredients of some preparations in my opinion tend to create a too messy soup. The appetizers are much more good, perhaps they are the real protagonists of this place.

In short, in my opinion these preparations are much more beautiful to photograph than to eat. And of the initial idea of creating a sort of izakaya, there is really too little left, since the choice of beverage is bare.


🌎 http://www.casaramensuper.com 📍 Via Ugo Bassi 26, Milan 📞 +39 02 8352 9210 💰 $$


©2019 of cookingwithehamster - All Rights Reserved